L'area Ambiente e Territorio si occuperà degli aspetti di Colli Aniene relativi alle problematiche ambientali e alla valorizzazione del territorio con particolare riferimento alla riserva fluviale dell'Aniene e i casali storici presenti nel quartiere.


Costruito in prossimità dell'Aniene da cui ne trae il nome, Colli Aniene vive da sempre un doppio rapporto col suo fiume. Se da un lato esso è una risorsa ambientale preziosa da difendere, dall'altro la mancanza di manutenzione del suo corso lo rende un elemento di rischio che nel passato ha provocato anche danni al quartiere. Ulteriore elemento di preoccupazione è l'impatto sull'ambiente e il territorio circostante che può avere il depuratore ACEA.

Le risorse ambientali di Colli Aniene come le preziose testimonianze storiche sulle sue origini quali il Casale della Cervelletta, il Casale Presutti, la Vaccheria Nardi ora sede della nostra preziosa biblioteca comunale sono beni da tutelare, da manutenere e da valorizzare opportunamente.

E' per questo che il Comitato di Quartiere Colli Aniene Bene Comune vuole coinvolgere i suoi iscritti e la cittadinanza per la costituzione di una commissione di monitoraggio del territorio al fine di costruire le opportune sinergie tra le Istituzioni e le realtà presenti nel quartiere per operare un'efficace azione di manutenzione e presidio.


Da qui la volontà di una commissione che individui le iniziative che offrano uno stimolo culturale per i tanti giovani del quartiere e al tempo stesso promuovano eventi che consentano ai cittadini di fruire del prezioso patrimonio storico e ambientale presente a Colli Aniene.

 

In particolare sarà compito della commissione Ambiente e Territorio curare:

  • gli aspetti legati alla correlazione con il fiume e con gli strumenti del contratto di Fiume;
  • i sistemi di relazione urbani ed extraurbani-adiacenze;
  • promuovere iniziative volte alla conoscenza del proprio patrimonio paesaggistico, storico e architettonico, quale strumento di sviluppo sociale e conservazione dei luoghi e della memoria storica;
  • operare nei circoli didattici, nei centri di aggregazione sociale o di culto in collaborazione con le associazioni ambientali e gli organismi culturali coinvolgendo sia i cittadini che gli esperti e i tecnici istituzionali e non;
  • avanzare iniziative per condividere, sviluppare ed attuare con le associazioni interessate un percorso di riqualificazione e promozione della fruibilità pubblica dei beni suddetti.

Ambiente e Territorio